Vincono le locuste

Scusate se vi parlo di finanza, ma mi piacerebbe condividere alcune riflessioni che ho fatto in questi giorni. Anzi, una breve ricerca partendo dai fatti.

La Grecia ha circa: 10mio popolazione, un Pil di 301.000 miliardi per 27.000 euro di reddito pro capite annuo

L’Italia ha circa 60 mio popoloazione, un Pil di 2 mio miliardi per 33.000 euro di reddito pro capite annuo

La Germania: ha circa 80 mio popoloazione, un Pil di 3,5 mio miliardi per 43.000 euro di reddito pro capite annuo

L’Argentina, nell’anno della crisi e della svalutazione era 37 mio popolazione, un Pil di 102 miliardi per un reddito di 3.000 euro pro capite annuo.

Il problema della grecia è dei greci, che oggi non sono consapevoli di cosa comporta una svalutazione ed una uscita dall’euro: probabilmente il reddito pro capite annuo potrebbe per i prossimi anni nel loro paese essere paragonabile a quello argentino nella crisi, ovvero 10 volte inferiore a quello attuale.

Il problema è forse dell’Italia che ha una immagine all’estero di scarsa stabilità, anche se il Pil greco è quello di 5 milioni di abitanti di una area produttiva italiana.

Il problema non è europeo, in quanto il Pil greco nell’eurozona è inferiore all’1%.

Ma il mio punto di vista è che la svalutazione greca consentirà ancora una volta alle locuste finanziarie di vincere, queste non investono in attività produttive ma muovono capitali per divorare ciò che è più debole, partendo dal basso e, diventando sempre più forti e potenti, passano a bruciare ciò che c’è più in alto, e poi più in alto ancora. Sempre più grasse e forti, sempre più determinate e potenti.

L’articolo settimanale di Walter Riolfi sul Sole24Ore: siamo fuori dagli interessi finanziari in quanto gli investitori hanno già deciso che la Grecia va fuori dall’Euro e hanno già deciso che la BCE non è abbastanza forte.

Il profitto finanziario oggi così ricco assorbe investimenti produttivi e mercantili e tutto il mondo diventa più povero.

Meno investimenti, più leve finanziarie: i ricchi più ricchi,  i poveri più poveri.

Annunci

One thought on “Vincono le locuste

  1. ma che significa lo spread a 4,5? lo spiega Walter Riofi.
    Considerando che questo costo è inferiore all’1,5% negli Usa e Gran Bretagna, ed è ancora più basso in Germania dove i rendimenti a breve sono negativi e i Bund a 5 anni pagano un ridicolo 0,3%, il nostro Paese vedrà vanificare ogni anno il 4% del Pil per pagare gli eccessivi interessi sul debito provocati, negli anni scorsi, dall’irresponsabilità della nostra classe politica e adesso dall’insipienza della politica europea e dal peccato originario insito nella costruzione dell’euro: oltre che dalla conseguente speculazione dei mercati. Insomma, l’Italia si ritrova nella condizione di un capo famiglia che deve lavorare solo per ripagare il costo dei debiti. Buttare via un 4% del Pil in più del ragionevole, significa comprimere o annullare la crescita del Paese. In una parola, trasformare la recessione in una perenne stagnazione. Se gli Usa o la Gran Bretagna pagano interessi 4 volte inferiori a quelli italiani è soprattutto perché hanno una banca centrale che interviene decisamente sul mercato.
    http://24o.it/b00Yk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...